Thursday, 25 May 2017 back

Addio a Giovanni Bignami

Si è spento ieri a Madrid, a causa di un improvviso malore, Giovanni Bignami, ex presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana e dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Giovanni Bignami, Nanni per gli amici, è stata una figura di riferimento per la comunità astrofisica italiana e internazionale. Accademico dei Lincei, è stato presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana e successivamente, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, nel quadriennio 2011-2015. 

È stato particolarmente attivo nell'astronomia dei raggi gamma e delle alte energie, ricevendo per questo diversi premi a livello internazionale, incluso il premio Bruno Rossi per la scoperta di Geminga, la prima stella di neutroni priva di emissione radio. 

Ha collaborato alla progettazione di numerose missioni spaziali, tra cui i satelliti COS-B e XMM-Newton dell’ESA, di cui fu il responsabile scientifico e, negli ultimi anni, ha ricoperto il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione del progetto SKA (Square Kilometer Array), un progetto rivoluzionario nell’ambito della radio astronomia.

La comunità scientifica ricorda Bignami non solo come scienziato di grande valore, ma anche come divulgatore appassionato e instancabile. Negli anni ha collaborato con numerosi quotidiani e riviste, lasciando una proficua eredità di testi divulgativi dedicati soprattutto alle giovani generazioni. 

L’ultima volta Bignami aveva visitato L’Aquila il 30 gennaio 2015 nell'ambito del ciclo di incontri “Porte Aperte”, organizzato dal GSSI e Rai Radio 3, dove, con ironia e grande competenza divulgativa, dialogò con il pubblico sul tema dell’esplorazione spaziale.